logo
TEL. 0422 235703
Viale Montegrappa 16/A - Treviso

Diritto Penale

Suprema Corte: prima pronuncia sul reato di inquinamento ambientale

Per la prima volta la Suprema Corte di Cassazione si trova a doversi confrontare con il nuovo reato di “Inquinamento ambientale” (art. 452 bis c.p.), introdotto dalla legge n. 68/2015. La norma sanziona con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 10.000 a euro 100.000 chiunque, abusivamente, cagiona una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili:1) delle acque o dell’aria, o di porzioni estese o significative del suolo o del sottosuolo;2) di un ecosistema, della biodiversità, anche agraria, della flora o della fauna. Il secondo comma prevede un’aggravante quando l’inquinamento è prodotto in un’area… Continua a leggere

Guida in stato di ebbrezza: come abbreviare il periodo di sospensione della patente

Portiamo all’attenzione del lettore un caso recente trattato dal nostro studio e conclusosi con un’interessante sentenza del Giudice di Pace di Treviso-(Sentenza n.  168/2017 del 7.2.2017). Secondo il Giudice trevigiano, poiché il provvedimento prefettizio di sospensione della patente ha natura cautelare, una volta che l’automobilista ha superato la visita di idoneità avanti la Commessione Medica, il documento deve essere restituito al suo titolare, indipendentemente dal periodo di sospensione stabilito dalla Prefettura, essendo venute meno le esigenze che lo giustificano. Nonostante le innumerevoli pronunce giurisprudenziali favorevoli, tuttavia, occorre altresì evidenziare come, a tutt’oggi, le Prefetture si oppongano a tale impostazione,… Continua a leggere

Guida in stato di ebbrezza: inutilizzabile il prelievo ematico se manca l’invito a nominare un difensore

Nel caso in cui i sanitari non abbiano preventivamente avvertito il conducente della facoltà di farsi assistere da un difensore, il prelievo del sangue è nullo e non può essere utilizzato ai fini della contestazione della guida in stato di ebbrezza, se è stato eseguito non per finalità diagnostico-terapeutiche, ma solo perché richiesto ai sanitari dalla polizia ai fini dell’accertamento del tasso alcolemico. Ancora una volta la Cassazione Penale con sentenza n. 4234 del 10.1.2017 torna sulla questione della validità dei prelievi del sangue utilizzati dalla Polizia Giudiziaria per la contestazione penale della guida in stato ebbrezza. In sintesi, se… Continua a leggere